Lo Statuto

Lo Statuto

dell’associazione denominata “Libertà e democrazia per Ischia”

Art. 1 – Denominazione, sede, principi e simbolo

a) È costituita l’associazione avente denominazione “Libertà e democrazia per Ischia”, con sede legale in Ischia (NA) alla via Battistessa n. 43.
E’ facoltà del Presidente istituire e/o sopprimere eventuali sedi operative.

b) L’Associazione vuole realizzare un concreto confronto democratico, riconoscendo a tutti gli iscritti, un effettivo ruolo di indirizzo e determinazione delle scelte fondamentali per l’attività politica dell’associazione al fine di promuovere lo sviluppo sociale.
L’Associazione svolge la propria attività politica nel rispetto del principio di trasparenza e partecipazione democratica, e tale attività è improntata al rispetto delle disposizioni delle leggi vigenti.

c) Alla denominazione “Libertà e democrazia per Ischia” viene abbinato il simbolo, di proprietà dell’associazione stessa costituito dalla scritta centrale “LIBERTA’ e DEMOCRAZIA” su un campo bianco, al di sotto della quale scritta vi è stilizzata la forma di un cuore, con linee verdi (sulla sinistra) e rosse (sulla destra), il tutto contornato da un cerchio blu con alla base (su campo dello stesso colore blu) la scritta “ALDO PRESUTTI ISOLA D’ISCHIA”.

Art. 2 – Finalità

L’associazione persegue le seguenti finalità:

a) attraverso un corretto e sereno dibattito politico-culturale ed un confronto con tutte le componenti della società civile, intende promuovere ogni attività culturale, politica, ricreativa e sociale tendente al coinvolgimento e alla partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica, culturale e amministrativa del territorio, in attuazione dei valori di democrazia, partecipazione, trasparenza, solidarietà e sussidiarietà;

b) approfondire la ricerca sui valori di uguaglianza tra i cittadini, di collaborazione, di libertà religiosa, di democrazia, di giustizia sociale, di libertà economica e imprenditoriale, di lavoro diffuso quale mezzo di riscatto sociale ed umano, valori presenti nella nostra Carta Costituzionale;

c) partecipare alla vita politica come servizio di interesse collettivo e promuovere attività culturali per la crescita sociale di una comunità, in cui ciascuna Persona possa trovare realizzazione mettendo a frutto le proprie capacità e competenze;

d) ridare primato alla Politica ripartendo dall’impegno, dal senso civico, operando le scelte per conseguire il Bene Comune, per liberare energie, e interessarsi di ciascuna Persona e di tutti;

 e) favorire lo sviluppo economico, sociale, culturale, turistico della comunità compatibilmente con le risorse presenti sul territorio e con la realtà economica del comprensorio, che sempre più dovrà cooperare in sistemi organici e di rete, e non su singoli progetti ed episodiche circostanze e alla difesa del territorio e dell’ambiente;

f) promuovere iniziative socio-culturali e costituire un punto di riferimento sul territorio, aggregando liberamente diverse esperienze e competenze umane e professionali, siano esse individuali che associative o di gruppi sociali ed economici, rappresentando istanze ed iniziative che provengono dalle Associazioni di categoria, dalla piccola e media impresa, dal mondo cooperativo, dal mondo agricolo, dai commercianti e dagli artigiani (risorsa economica e professionale del nostro territorio), da Gruppi organizzati, Movimenti e semplici cittadini;

g) considerare un diritto/dovere del cittadino interessarsi della “res pubblica” per promuovere, indirizzare, supportare, controllare le azioni necessarie allo sviluppo socio-culturale ed economico della collettività; attivare tutte le azioni necessarie a mantenere sempre saldo il legame con i propri soci, ed in generale con tutti coloro che ne vorranno sostenere le azioni anche attraverso la partecipazione diretta di propri rappresentanti alla vita politica ed istituzionale;

h) tendere a ridare forte centralità e dignità alle Istituzioni che rappresentano il sale della democrazia ed il presupposto per l’affermazione della giustizia e pace sociale;

i) vigilare affinché le azioni dei propri soci e rappresentanti diano tangibile testimonianza alla giustizia sociale, pace, onestà, promuovendo lo sviluppo, la promozione e la piena realizzazione dell’uomo;

j) promuovere movimenti, comitati e gruppi anche con altra sigla distintiva, miranti a realizzare gli scopi in ambiti volta per volta determinabili;

k) favorire ed incentivare tutte le iniziative di carattere politico-culturale mirate a incrementare la partecipazione mediante il riavvicinamento dei cittadini alla vita politica;

l) diffondere la valorizzazione delle capacità individuali e l’incentivazione dell’impresa, della ricerca scientifica e dell’associazionismo, coniugando democrazia, solidarietà e libertà con le giuste esigenze sociali, economiche ed imprenditoriali;

m) promuovere azioni ed iniziative al fine di abbattere discriminazione e marginalità sociale in tutti i contesti sociali e territoriali ove fossero presenti, contro ogni forma di ignoranza, di intolleranza, di violenza, di censura, di ingiustizia, di discriminazione, di razzismo, di emarginazione, di solitudine forzata;

n) stimolare l’interesse all’approfondimento dei temi di maggiore attualità sociale e di rilevanza politico locale.

Art. 3 – Iscritti .

a) Possono aderire all’Associazione tutti i cittadini italiani, di maggiore età, che non risultino, all’atto dell’adesione, aderenti o comunque esponenti di altri partiti politici e/o di associazioni aventi oggetto o finalità in contrasto con quelli dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia.
L’iscrizione è a pagamento e la quota è pari ad euro 10,00 (dieci euro) ed ha durata annuale; in caso di mancato rinnovo dell’iscrizione cessa la qualità di iscritto, ma è comunque possibile, in ogni tempo, procedere ad una nuova iscrizione, purché il richiedente abbia i requisiti previsti dal presente Statuto. Le modalità operative per l’iscrizione sono approvate dal Comitato di Garanzia.
L’importo per la quota associativa annuale, potrà variare nel corso del tempo, e determinata dall’Assemblea.

b)  Ciascun iscritto all’Associazione  Libertà e democrazia per Ischia ha il diritto:
1. di partecipare attivamente all’indirizzo politico dell’Associazione;
2. di partecipare, esprimendo il proprio giudizio, alle votazioni indette per la determinazione delle scelte fondamentali per l’azione politica dell’Associazione stessa;

c) Le autocandidature di ciascun iscritto possono essere avanzate da parte di quest’ultimo, previa verifica dei requisiti di cui alla lettera a) del presente articolo in capo al medesimo.
Non possono avanzare la propria candidatura gli iscritti che siano sottoposti ad un procedimento disciplinare e/o che abbiano subito la sanzione (eventualmente anche in via cautelare) della sospensione.
Il Presidente, sentito il Garante, ha facoltà di valutare la compatibilità della candidatura con i valori e le politiche dell’Associazione, esprimendo l’eventuale parere vincolante negativo sull’opportunità di accettazione della candidatura.

d) Ciascun iscritto ha il dovere:
1. di mantenere i requisiti di iscrizione indicati nel presente Statuto e di attenersi alle disposizioni dello stesso;
2. di rispettare le decisioni assunte dagli organi dell’Associazione;
3. di astenersi da comportamenti che possano pregiudicare l’immagine o l’azione dell’Associazione;
4. di attenersi ai criteri di democraticità e rispetto nei confronti degli altri iscritti;
5. di concorrere attivamente all’azione dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia, avuto riguardo alla propria situazione personale ed alle proprie capacità.

Art. 4 – Democrazia Diretta e Partecipata

a) Competono agli iscritti, le seguenti decisioni fondamentali per l’azione politica dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia:
– elezione del Presidente;
– elezione del Garante;
– elezione dei componenti del Comitato di Garanzia;
– elezione dei componenti del Collegio dei Probiviri.

b) Fatte salve le procedure elettive stabilite con le modalità di cui al presente statuto, le decisioni rimesse agli iscritti s’intendono approvate qualunque sia il numero di partecipanti al voto.
Entro 5 (cinque) giorni, decorrenti dal giorno della pubblicazione dei risultati sul sito dell’Associazione, il Garante o il Presidente possono chiedere la ripetizione della consultazione, che in tal caso s’intenderà confermata solo qualora abbia partecipato alla votazione almeno la maggioranza assoluta degli iscritti ammessi al voto.

c) Entro il giorno successivo al termine finale per la consultazione, i risultati sono pubblicati sul sito dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia, a cura del Comitato di Garanzia, la pubblicazione sul sito ha funzione di informazione a tutti gli effetti di legge.

Art. 5 – Organi dell’Associazione

Sono organi dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia:
1. l’Assemblea;
2. il Presidente;
3. il Garante;
4. il Comitato di Garanzia;
5. il Collegio dei Probiviri;
6. il Tesoriere.

Art. 6 – Assemblea

a) L’Assemblea è formata da tutti gli iscritti con iscrizione in corso di validità al momento della sua convocazione.

b) Spetta all’Assemblea, oltre a quanto previsto dal codice civile:
– approvare i documenti proposti dal Presidente con il consenso di almeno un terzo degli iscritti, ferme le competenze e responsabilità del Presidente nella determinazione ed attuazione dell’indirizzo politico dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia;
– eleggere il Tesoriere, su proposta del Garante;
– su iniziativa del Garante o di almeno un terzo degli iscritti, approvare le proposte di indirizzi vincolanti per l’adozione e/o modifica dei regolamenti di competenza del Comitato di Garanzia;
– deliberare la modifica dello Statuto, lo scioglimento dell’Associazione o la devoluzione del patrimonio.

c) L’Assemblea è convocata in luogo ubicato sull’isola d’Ischia, almeno una volta all’anno dal Presidente ovvero, in assenza od inerzia, dal Presidente del Comitato di Garanzia. E’ altresì convocata qualora lo richiedano almeno un terzo dei suoi componenti.
L’Assemblea è convocata anche con avviso sul sito internet dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia con preavviso di almeno 5 giorni ovvero 3 giorni in caso di urgenza. Nell’avviso sono indicati gli argomenti oggetto della votazione, il luogo fisico ove si svolgerà, le modalità di voto e in caso di assemblea on line anche i termini entro i quali ciascun partecipante all’Assemblea può far pervenire eventuali osservazioni e/o considerazioni e/o opinioni come infra definiti, la data e l’orario iniziale e finale della votazione.
Il preavviso di convocazione è di almeno 15 giorni per le votazioni aventi ad oggetto la modifica dello statuto, lo scioglimento dell’Associazione o la devoluzione del patrimonio.

d) L’Assemblea è presieduta dal Presidente, il quale nomina il segretario.
Il Presidente determina le modalità di svolgimento e votazione dell’assemblea.

e)  Sono ammesse deleghe nella misura massima di due per ogni iscritto.

f) Le decisioni dell’Assemblea possono essere adottate anche mediante consultazione scritta di tipo referendario.

Le procedure di consultazione e acquisizione del consenso espresso non sono soggette a particolari vincoli formali purché a ciascun associato sia assicurato il diritto ad essere adeguatamente informato sugli argomenti all’ordine del giorno e di partecipare alla decisione.
A tal fine ciascun partecipante all’Assemblea avrà la facoltà di far pervenire con le modalità che verranno indicate sull’avviso di convocazione eventuali osservazioni e/o considerazioni e/o opinioni.
Il Presidente dell’Assemblea, tenuto eventualmente conto delle eventuali osservazioni e/o considerazioni e/o opinioni ricevute, predispone una proposta di delibera da sottoporre alla votazione dall’Assemblea.

g) L’Assemblea delibera a maggioranza dei voti espressi, quale che sia il numero di partecipanti alla votazione.
Le votazioni aventi ad oggetto le modifiche del presente Statuto sono valide, in prima istanza, solamente qualora vi abbia partecipato almeno la maggioranza assoluta degli iscritti, in seconda istanza qualunque sia il numero dei partecipanti, e in ogni caso sono assunte a maggioranza dei voti espressi. Per le votazioni inerenti lo scioglimento della associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole dei tre quarti degli associati.

Art. 7 – Presidente

a) Il Presidente è il rappresentante legale ed istituzionale dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia e in tale veste è indicato quale capo della forza politica. Egli ha la rappresentanza dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia oltre tutti i necessari poteri di ordinaria amministrazione.
Gli atti di straordinaria amministrazione sono subordinati al consenso e/o ratifica da parte dei componenti del Comitato di Garanzia;

b) Il Presidente resta in carica per 5 anni. E’ rieleggibile e comunque non soggetto a limiti di rielezione. Può essere eletto a Presidente ogni iscritto, che presenti i requisiti di eleggibilità alla Camera dei Deputati;

c) Il Presidente, salvo quanto ulteriormente stabilito nel presente Statuto, convoca e dirige i lavori dell’Assemblea, indice le votazioni e mantiene l’unità dell’indirizzo dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia;

d) Qualora la carica di Presidente si renda vacante,  o si verificassero casi di assenza o impedimento, il Garante ne assume temporaneamente le veci;

e) il Presidente può essere sfiduciato con delibera assunta a maggioranza assoluta dei componenti del Comitato di Garanzia e/o dal Garante, in conformità a quanto previsto dal presente Statuto.

Art. 8 – Garante

a) Il Garante è il custode dei valori fondamentali dell’azione politica dell’Associazione. In tale spirito esercita con imparzialità, indipendenza ed autorevolezza le prerogative riconosciute dallo Statuto. In tale veste, oltre ai poteri previsti nel presente Statuto, al Garante è attribuito il potere di interpretazione autentica, non sindacabile, delle norme del presente Statuto;

b) Inizialmente il Garante è insediato all’atto di costituzione dell’Associazione; successivamente, il Garante è eletto su proposta dal Comitato di Garanzia avuto riguardo a figure che si siano distinte per il determinante contributo alla storia ed all’azione dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia;

c) Il Garante resta in carica a tempo indeterminato e può essere revocato, in ogni tempo, su proposta deliberata dal Comitato di Garanzia a maggioranza assoluta dei propri componenti. Nell’ipotesi in cui gli iscritti non ratifichino la proposta di revoca del Garante proposta dal Comitato di Garanzia, tale ultimo organo decadrà con effetto immediato con conseguente necessità di indizione della consultazione per la nomina di un nuovo Comitato.

d) Qualora la carica si renda vacante, il membro più anziano del Collegio dei Probiviri ne assume temporaneamente le veci sino alla elezione di nuovo garante.

Art. 9 – Comitato di Garanzia

a) Il Comitato di Garanzia sovrintende alla corretta applicazione delle disposizioni dello Statuto.

b) Il Comitato di Garanzia, su proposta del Presidente esamina ed eventualmente approva i Regolamenti esecutivi necessari per l’attività dell’Associazione;

c) Il Comitato di Garanzia è composto da 3 (tre) membri eletti mediante consultazione all’interno di una rosa di almeno 6 (sei) nominativi proposti dal Garante nel rispetto dei principi di tutela delle minoranze e della rappresentatività di genere. In caso venga a mancare anticipatamente un componente, si provvede alla sua sostituzione secondo la stessa modalità per la prima designazione.

d) L’incarico di componente del Comitato di Garanzia dura 4 anni e non è rinnovabile. Con esclusione del primo Comitato di Garanzia insediato all’atto di costituzione dell’associazione, la carica di componente del predetto Comitato è incompatibile con qualsivoglia carica elettiva.
Alla scadenza il Comitato di Garanzia resterà in carica in regime di prorogatio, con compiti limitati alla sola gestione ordinaria, sino alla nomina del nuovo Organo.

e) L’incarico è incompatibile con ogni altro incarico associativo.

f) Nella seduta di insediamento il Comitato elegge nel proprio seno il presidente, cui spetta la convocazione e la fissazione dell’ordine del giorno dei lavori, sentito il Garante. Salvo motivate esigenze di indifferibilità ed urgenza, i lavori del Comitato sono convocati con almeno 48 ore di preavviso, tramite comunicazione fatta pervenire a tutti i membri, tramite pubblicazione sul sito. Le riunioni sono comunque valide in presenza di tutti i suoi membri.

g) Il Comitato di Garanzia delibera a maggioranza dei propri membri.

Art. 10 – Collegio dei Probiviri

a) Il Collegio dei Probiviri vigila sul rispetto dei doveri degli iscritti ed a tal fine irroga le sanzioni disciplinari secondo le modalità stabilite dal seguente articolo.

b) Il Collegio dei Probiviri è formato da 3 (tre) membri proposti dal Garante, ed è formato da iscritti che si siano distinti per imparzialità, saggezza e rettitudine morale, nel rispetto dei principi di tutela delle minoranze e della rappresentatività di genere.
L’incarico di proboviro dura 4 (quattro) anni, è incompatibile con l’assunzione di altri incarichi associativi ed è rinnovabile.
In caso venga a mancare anticipatamente un componente, si provvede alla sua sostituzione secondo la stessa modalità per la prima designazione. Il sostituto resta in carica sino alla scadenza del Collegio dei Probiviri in carica al momento della sostituzione. Alla scadenza il Collegio dei Probiviri resterà in carica in regime di prorogatio sino alla nomina del nuovo Organo.

Art. 11 – Procedimento per l’irrogazione di sanzioni disciplinari

a) Gli iscritti all’Associazione Libertà e democrazia per Ischia  possono essere sottoposti a sanzioni disciplinari per il venir meno dei requisiti di iscrizione e per la violazione dei doveri stabiliti dal presente Statuto.

b) Le sanzioni disciplinari applicabili sono: il richiamo, la sospensione, l’espulsione. Il Collegio dei Probiviri, a fronte della denuncia da parte del Garante, del Comitato di Garanzia, del Presidente e/o di qualunque iscritto può decidere se avviare un procedimento disciplinare.
Il soggetto sottoposto a procedimento disciplinare ha facoltà di far pervenire memorie scritte ed eventuale documentazione a sostegno delle proprie ragioni entro il termine perentorio di 10 (dieci) giorni naturali consecutivi dalla data di invio della delibera di avvio del procedimento disciplinare.
Entro il termine ordinatorio di 90 (novanta) giorni dalla data di ricezione della predetta memoria, il Collegio dei Probiviri può quindi procedere con la richiesta di ulteriori chiarimenti ovvero con l’archiviazione del procedimento disciplinare ovvero con l’irrogazione delle sanzioni; nel caso di richiesta di chiarimenti, il termine di 90 (novanta) giorni per la decisione del Collegio dei Probiviri decorrerà dalla scadenza del termine concesso dal medesimo all’iscritto per fornire i chiarimenti richiesti.
Il provvedimento assunto dai Probiviri deve essere comunicato entro 5 (cinque) giorni all’Iscritto mediante comunicazione e-mail agli indirizzi risultanti dall’anagrafica dell’Associazione.
Avverso le decisioni del Collegio dei Probiviri, entro il termine perentorio di 5 (cinque) giorni dalla comunicazione del provvedimento di cui al comma che precede, l’iscritto può proporre reclamo al Comitato di Garanzia il quale si deve esprimere, con provvedimento non impugnabile, entro 10 giorni dalla ricezione del reclamo.
Il provvedimento assunto in appello dal Comitato di Garanzia deve essere comunicato entro 5 (cinque) giorni all’Iscritto mediante comunicazione e-mail agli indirizzi risultanti dall’anagrafica dell’Associazione, nonché trasmesso per informazione al Garante.

c) Il richiamo o la sospensione possono essere irrogate in luogo di una sanzione disciplinare più grave, laddove ricorrano particolari circostanze attenuanti.

Art. 12 – Tesoriere

a) Il Tesoriere è il rappresentante legale dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia in tutte le attività economico-finanziarie: egli ha la responsabilità della gestione amministrativa e della politica finanziaria dell’Associazione, e ne apre e gestisce i conti correnti bancari e postali con doppia firma, anche del Presidente;

b) Il Tesoriere predispone il bilancio consuntivo e le relazioni sull’andamento politico-finanziario dell’Associazione;

c) Il Tesoriere è eletto per 3 anni dall’Assemblea, su proposta del Presidente ed è rieleggibile senza limiti temporali.
Il primo Tesoriere è insediato all’atto di costituzione dell’Associazione.

Art. 13 – Bilanci

a) Il Tesoriere, su richiesta del Presidente, predispone entro il 31 marzo di ogni anno solare il bilancio consuntivo dell’Associazione al 31 dicembre dell’anno precedente; il bilancio consuntivo è corredato da una relazione sulla gestione.

b) Il bilancio consuntivo può essere certificato da una società di revisione nominata dal Presidente.

c) Il Presidente entro il 31 dicembre di ciascun anno, predispone un budget riferito all’anno solare successivo; il budget è sottoposto ad approvazione del Comitato di Garanzia, che delibera sentito il Tesoriere.

Art. 14 – Finanziamento delle attività

a) E’ previsto il versamento della quota di iscrizione, come stabilito al precedente art. 3;

b) Il Comitato di Garanzia disciplina, con regolamento proposto dal Presidente e approvato dal Comitato di Garanzia, le modalità con le quali gli iscritti possono effettuare elargizioni a favore dell’Associazione Libertà e democrazia per Ischia su base volontaria, per la raccolta di fondi destinati a finanziare l’attività dell’Associazione ovvero singole iniziative o manifestazioni.

Art. 15 – Norme transitorie e finali

a) L’Associazione si richiama alle norme del codice civile, e deve operare nel pieno rispetto delle leggi italiane.